Passa ai contenuti principali

KALARI YOGA CSEN

  

Il 28 giugno 2022 ho ricevuto dal CSEN, la lettera d'incarico per il ruolo di Coordinatore nazionale del settore sportivo “Kalari Yoga (lo Yoga del Guerriero)”, una disciplina in cui le pratiche tradizionali di haṭhayoga si combinano con sequenze acrobatiche e coreografie di combattimenti tratte dalla danza e dalle arti marziali tradizionali indiane. Sono onorato e ringrazio il Presidente Francesco Proietti per la fiducia accordatami, Filippo Salmaso, presidente di CSEN Veneto e Nunzio Lopizzo, responsabile Nazionale di Ginnastica Yoga CSEN per avermi sostenuto e ispirato.
Il coordinatore Nazionale

Paolo Proietti

Qualifiche

  • Istruttori Nazionali di Primo Livello (250 ore);
  • Istruttori Nazionali di Secondo Livello (500 ore);
  • Istruttori Nazionali di Terzo livello (760 ore).

Informazioni


Caratteristiche del Corso

N.B. Tutte le attività del Kalari Yoga CSEN sono riservate agli associati CSEN. Per Partecipare al Corso per Istruttore Nazionale di Primo Livello si può scegliere una delle seguenti modalità di partecipazione:
  • 16 week end intensivi, della durata di 16 ore ciascuno per un totale di 256 ore frontali;
  • 10 week end intensivi, della durata di 16 ore ciascuno per un totale di 160 ore, più tre retreats della durata di 30 ore ciascuno, per un totale di 250 ore frontali.
Torna alla Home

Date e Luoghi

  1. 22 ottobre 2022, Padova via Dietro Duomo 14, int. 1. “Incontro preliminare”, 8 ore eventuali di crediti formativi.
  2. 4/7 novembre 2022, Agriturismo "Le Querciole", Valmozzola, Borgotaro (Parma). "Teacher Training Retreat", 30 ore di crediti formativi.
  3. 12/13 novembre 2022, Padova via Dietro Duomo 14, int. 1. “Week End di Formazione”, Combattimento scenico e Kalari, 16 ore di Crediti Formativi.
  4. 17/18 dicembre 2022, Padova via Dietro Duomo 14, int. 1. “Week End di Formazione”, Hathayoga e Movimento Naturale.
  5. 28/29 gennaio 2023, Padova,  via Dietro Duomo 14, int. 1. “Week End di Formazione”, Hathayoga e Movimento Naturale.
  6. 18/19 febbraio 2023, Padova, via Dietro Duomo 14, int. 1. “Week End di Formazione”, Kalari e Combattimento Scenico.
  7. 24/27 marzo 2023, Agriturismo "Le Querciole", Valmozzola, Borgotaro (Parma). "Teacher Training Retreat", 30 ore di crediti formativi.
  8. 22/23 aprile 2023, Padova via Dietro Duomo 14, int. 1. “Week End di Formazione”, Kalari e Combattimento Scenico.
  9. 27/28 maggio 2023, Padova via Dietro Duomo 14, int. 1. “Week End di Formazione”, Hathayoga, Acrobatica Soft e Movimento Naturale.
  10. 24/25 giugno 2023, Padova,  via Dietro Duomo 14, int. 1. “Week End di Formazione”, Hathayoga, Acrobatica Soft e Movimento Naturale.
  11. 11/31 agosto 2023, Agriturismo "Le Querciole", Valmozzola, Borgotaro (Parma). "Teacher Training Retreat", 200 ore di crediti formativi. (N.B. gli allievi potranno scegliere il periodo più indicato per loro).
  12. Settembre 2023, luogo e data da definire.
  13. Ottobre 2023, luogo e data da definire.
  14. Novembre 2023, luogo e data definire.
  15. Dicembre 2023, luogo e data da definire.

Costi

Prima modalità di frequenza:
16 week end intensivi, della durata di 16 ore ciascuno, per un totale di 256 ore frontali;
  • Pagamento anticipato al momento dell’iscrizione€ 1.850,00 compresi tassa d’esame, diploma nazionale e tesserino tecnico;
  • Pagamento in quattro rate € 2.000,00:
  1. Prima rata al momento dell’iscrizione € 600,00;
  2. Seconda rata dopo 4 week end intensivi € 600,00;
  3. Terza rata dopo 8 week end intensivi € 500,00;
  4. Quarta rata prima dell’esame € 300,00.
  • Pagamento a week end € 2.480,00:
  1. € 140,00 a week end per 16 week end intensivi + € 200,00 per tassa d’esame, diploma nazionale e tesserino tecnico.
Seconda modalità di frequenza:
10 week end intensivi, della durata di 16 ore ciascuno, per un totale di 160 ore frontali + 90 ore di ritiri intensivi;
    Pagamento anticipato al momento dell’iscrizione:€ 2.000,00 compresi vitto e alloggio per i ritiri intensivi (9 notti e 10 giorni totali a pensione completa), tassa d’esame, diploma nazionale e  tesserino tecnico;
  • Pagamento in 6 rate € 2.150,00:
  1. Prima rata al momento dell’iscrizione € 600,00;
  2. Seconda rata dopo 5 week end intensivi € 600,00;
  3. Terza rata prima del primo ritiro intensivo (30 ore di crediti formativi) € 280,00;
  4. Quarta rata prima del secondo ritiro intensivo (30 ore) € 280,00;
  5. Quinta rata prima del terzo ritiro intensivo (30 ore) € 280,00;
  6. Sesta rata prima dell’esame finale € 110,00.
  •  Pagamento a week end e a ritiro intensivo € 2.400,00:
  1. € 140,00 a week end;
  2. € 280,00 per ogni ritiro (3 notti, 4 giorni, 30 ore di crediti formativi).
  3. € 360 prima dell’esame finale.
Torna alla Home

Lo Yoga del Guerriero

 

Il Kalari Yoga, o “Yoga del Guerriero”, è, come abbiamo accennato, una disciplina ispirata al Kalaripayattu, l’antica arte marziale indiana considerate la progenitrice del Wushu Kung Fu, del Karate, del Silat balinese e del Kali filippino. Nella pratica del Kalari Yoga/lo Yoga del Guerriero si integrano gli āsana e le sequenze tradizionali della Ginnastica Yoga, con tecniche di bastone, elementi di acrobatica soft e movimento naturale, dando vita ad un efficacissimo sistema di preparazione fisica utilizzato tradizionalmente da danzatori, attori, e marzialisti allo scopo di sviluppare agilità, flessibilità, fluidità del movimento, coordinazione occhio-mano.Le radici del Kalari Yoga sono da rintracciare nel Meipayattu, letteralmente “esercizi con il corpo”, l’allenamento di base dei danzatori e degli yogin guerrieri del Sud dell’India[1], basato su pratiche tese a sviluppare la flessibilità, la forza e l’agilità.

Obiettivi Formativi

  • Favorire lo sviluppo armonico corporeo e il rafforzamento muscolare e della salute in genere;
  • Migliorare la postura, l’equilibrio e la mobilità articolare;
  • Sviluppare l’abilità fisica, la coordinazione e le capacità motorie;
  • Aumentare la capacità di concentrazione;
  • Rendere la persona capace di esprimere eleganza, armonia, elasticità e leggerezza;
  • Utilizzare e sublimare la naturale aggressività nel gioco del combattimento ritualizzato.

[1] Quella degli yogin guerrieri è una tradizione che accompagna tutta la storia dell’India. Il creatore delle arti marziali del Sud dell’India considerato Agastya, il primo Mahāsiddha (“grande illuminato”) della storia dello Yoga. Vedi il nostro “Storia Segreta dello Yoga”, https://www.amazon.it/STORIA-SEGRETA-DELLO-YOGA-Devozione/dp/1697366651

Programma

Il Kalari Yoga CSEN nasce nell’ambito della Ginnastica Yoga e, pur rifacendosi al Kalaripayattu non va considerata un’arte marziale, ma una disciplina finalizzata al benessere e alla salute. Come abbiamo già detto le radici del Kalari Yoga sono da rintracciare nel Meipayattu - l’allenamento di base del Kalaripayattu, l’antica arte marziale del Sud dell’India – utilizzato ai nostri giorni sia da marzialisti, sia da danzatori, sia da attori, ma è importante chiarire che la “Ginnastica Kalari Yoga”[1] è sostanzialmente una disciplina nuova, nata come specialità della “Ginnastica Yoga CSEN”.
Il programma del Kalari Yoga che abbiamo messo a punto[2] prevede otto diverse “materie”, ovvero:
  • Ginnastica Yoga (āsana, vinyāsa, mudrā, bandha)
  • Tecniche di respirazione, concentrazione e meditazione;
  • Elementi di Āyurveda;
  • Acrobatica soft e Movimento Naturale;
  • Kalari Vandanam, ovvero il tradizionale saluto alla Terra, al Sole, al Cielo e al Guru;
  • Ashta Vadivu, ovvero le otto posizioni base del Kalaripayattu;
  • Giocoleria con il bastone;
Combattimento scenico.Queste otto diverse materie sono state suddivise in quattro aree tematiche cui verrà dedicato il medesimo numero di ore di insegnamento:

[1] La definizione corretta è: “Ginnastica Kalari Yoga, attività sportiva finalizzata al Fitness e alla Salute”.
[2] Il programma è stato messo a punto da Paolo Proietti in collaborazione con:
Laura Nalin. Maestra Esperta Formatrice, laureata in Scienze Motorie;
Nunzio Lopizzo, responsabile nazionale Ginnastica Yoga CSEN;
Filippo Salmaso, presidente regionale CSEN Veneto.

Torna alla Home

Hathayoga ed Elementi di Ayurveda

 

Nel programma di Haṭhayoga sono inserite le dodici posture della pratica della serie Rishikesh, le mudrā, i bandha e le tecniche di respirazione principali descritti nei testi tradizionali (vedi Gorakṣa Saṃhitā), alcuni vinyāsa di cui forniremo i tutorial video; la teoria dei tre doṣa (vāta, pitta e kapha), i tre guṇa (rajas, sattva e tamas) le tre “energie della vita” (prāṇa tejas ed ojas), il rapporto tra cakra e marma e l’introduzione al lavoro di stimolazione dei marma.

Video: 


Movimento Naturale ed Acrobatica Soft


Nel programma di Movimento Naturale e Acrobatica soft sono inseriti esercizi di “Animal Walking”, ed una serie di elementi di pre-acrobatica basati sulle capovolte e sulle cadute del “combattimento scenico”, effettuati sia individualmente sia a coppia ovvero:
  1. Capovolta in avanti e indietro (rotolamento del corpo sul terreno sul piano sagittale a partire dalla postura eretta, dalla posizione raccolta o dalla verticale sulla testa o sulle spalle);
  2. Capovolte avanti e indietro consecutive;
  3. Capovolta in avanti tuffata (“salto della tigre”);
  4. Capovolta indietro alla verticale con spinta delle braccia;
  5. Caduta con rotolata in avanti (nel Karate e nel Judo mae mawari ukemi);
  6. Caduta con rotolata all’indietro (nel Karate e nel Judo ushiro ukemi);
  7. Caduta laterale (variante dello yoko ukemi del Karate e del Judo);
  8. Ruota, ruota saltata e varianti;
  9. Rondata.

Video: 

https://www.youtube.com/watch?v=c2H6TStbhVo


Kalari

Per ciò che riguarda il Kalari vero e proprio occorre specificare che possiamo individuare due diversi generi di kalari: il kalaripayattu vero e proprio, diviso in tre stili (Settentrionale, Centrale e Meridionale) che è un’arte marziale tipica dei guerrieri del Kerala, e le pratiche, note con lo stesso nome, utilizzate sia in India, sia in Europa sia negli USA, da attori e danzatori come allenamento quotidiano. Noi ci riferiamo a questo secondo tipo di kalari, e concentriamo l’insegnamento nelle otto posizioni degli animali (Ashta Vadivu) tipiche dello stile settentrionale; nel “saluto al Sole, al Cielo alla Terra e al Guru (kalari Vandanam) ed in una serie di combattimenti immaginari (simili nel concetto ai kata delle arti marziali giapponesi) in cui le posture degli animali, vengono eseguite insieme ad elementi di acrobatica e ad una serie di attacchi e difese.

Le Otto Posizione degli Animali

https://www.youtube.com/watch?v=yVr3ap7i6W4

Le posizioni che insegniamo nei corsi di Kalari Yoga CSEN sono le “Ashta Vadivu” – 8 posture – alle quali talvolta si aggiunge la posizione del Pavone (Mayura Vadivu), che possiamo considerare una variante della posizione del Pesce:
  1. Gaja Vadivu, posizione dell’Elefante; 
  2. Simha Vadivu, posizione del Leone; 
  3. Aswa Vadivu, posizione del cavallo;
  4. Varaha Vadivu, posizione del Cinghiale; 
  5. Marjara Vadivu, posizione del Gatto;
  6. Sarpa Vadivu, posizione del Serpente;
  7. Matsya Vadivu, posizione del Pesce;
  8. Kukuda Vadivu, posizione del Gallo.

Torna alla Home

Kalari Vandanam


N.B. Il Kalari Vandanam – saluto al Sole, al Cielo, alla Terra e al Guru – differisce da scuola a scuola e la sequenza dipende dal livello dei praticanti. Le immagini precedenti sono tratte da https://www.keralatourism.org/kalaripayattu/video-gallery/kalari-vandanam/1168.
Il Kalari Yoga, si ispira alla millenaria arte marziale del Kalaripayattu, ma, è bene ribadirlo, non è uno sport da combattimento. È una disciplina che ha come obiettivo principale la salute psicofisica attraverso, come direbbero gli yogi tibetani, l’integrazione di Corpo, Parola e Mente. Le sequenze di combattimento ritualizzato, oltre ad avere la funzione di sviluppare la concentrazione, la flessibilità, il rapporto con lo spazio e la coordinazione occhio mano, sono delle coreografie, in cui l’accento è posto sull’aspetto spettacolare.
Nella mia esperienza, più che ventennale di coreografo di combattimenti per il cinema, teatro e televisione - durante la quale ho collaborato con artisti come Richard Buckingam Clark, Haruiko Yamanouchi e Wu hsing kuo, alla Scala di Milano, al Teatro dell’Opera di Roma e alla Brooklin Academy of Music di New York – ho avuto modo di verificare gli effetti positivi, sia fisici, sia psicologici, della pratica del Combattimento Scenico, una disciplina che gode di sempre maggior successo anche al fuori dell’ambiente dello spettacolo.

Nell’immagine precedente le istruttrici Angelica Foroni e Giulia Alberti durante il primo Stage di Formazione Kalari Yoga organizzato da CSEN Veneto. Foto di Giacomo Favaron.

Agli allievi di Kalari Yoga, a seconda delle diverse capacità e della diversa preparazione atletica, verranno insegnate una serie di movimenti acrobatici, prese, proiezioni e cadute - che verranno poi inserite in coreografie di combattimenti - e i fondamentali della “scherma teatrale” che verranno poi applicati in simulazioni di duelli con il bastone corto (circa 75 cm.), il bastone medio (circa 120 cm.) o il bastone lungo (circa 150 cm.).
In linea di massima faremo riferimento allo schema di attacchi e difese messo a punto dai primi coreografi di combattimento teatrali del ‘900, e al lavoro di Pierre Vigny, un maestro d’arme francese che ideo un sistema di scherma con il bastone – “Canne de Combat” - che nel XX secolo, venne applicato al cosiddetto “bastone indiano”.
Pierre Vigny era un maestro d'armi francese (nato a Taninges, Alta Savoia nel 1866) attivo tra la fine del XIX secolo e l'inizio del XX secolo. Si specializzò nel savate francese e nell'arte del combattimento con i bastoni nota come canne de combat. Nel 1898, fondò una scuola di armi e di autodifesa a Ginevra e poi si trasferì a Londra, dove divenne capo istruttore del Bartitsu Club gestito da Edward William Barton-Wright, il primo maestro ad unire le arti marziali indiane (era nato a Madras, Bangalore) giapponesi ed europee in un sistema per la salute psicofisica. In questo periodo, Vigny raggiunse una notevole fama grazie alle frequenti dimostrazioni pubbliche.
Canne de Combat; Fonte: https://www.mkgseattle.com/canne-de-combat-workshop-at-mkg-seattle/

Nel 1923 un ufficiale della polizia indiana, il sovrintendente HG Lang, giàdopo aver studiato con un allievo di Vigny, Percy Rolt, scrisse un manuale di scherma con il bastone, in cui il metodo di Vigny veniva applicato al bastone indiano[1]. Il libro uscì in un momento di grande tensione sociale, nel pieno del revival delle arti marziali indiane, e, verosimilmente, le tecniche di Vigny, sviluppate dalla polizia, divennero di dominio pubblico.

Tecniche del combattimento scenico con il bastone

N.B. quelle seguenti sono indicazioni per il “Combattimento scenico” e non possono essere considerate valide né per gli sport da combattimento, né per l’autodifesa.

Le tecniche di combattimento scenico con il bastone sostanzialmente non differiscono dalle tecniche tradizionali della spada. Le parate sono sei:
  1. Parata di “Prima” è la parata che compre il bersaglio interno basso. Per i destrorsi si tratta di portare il bastone da destra a sinistra per difendere il lato sinistro basso del corpo;
  2. Parata di “Seconda” è la parata che copre il bersaglio esterno basso. Per i destrorsi, il bastone va a difendere il lato destro basso;
  3. Parata di “Terza” è la parata che copre il bersaglio esterno alto. Per i destrorsi il bastone va a difendere il lato destro alto;
  4. Parata di “Quarta” è la parata che copre il bersaglio interno alto. Per i destrorsi il bastone va a difendere il lato sinistro alto;
  5. Parata di “Quinta” è la parata che copre la testa e la “figura interna”;
  6. Parata di “Sesta” è la parata che copre la testa e la “figura esterna”.
I colpi in attacco sono di tre tipi:
  1. Fendenti, colpi dall’alto al basso che possono essere sia interni (si oppone la parata di quinta), sia esterni (parata di sesta):
  2. Tagli e controtagli, colpi in orizzontale sia alti sia bassi, che possono essere, per un destrorso, da destra a sinistra, taglio, e da sinistra a destra, controtaglio. Al taglio alto si oppone la parata di quarta, al taglio basso la parata di prima; al controtaglio alto si oppone la parata di terza e al controtaglio basso la parata di seconda;
  3. Montanti, colpi dal basso in alto che possono essere sia interni (si oppone la parata di seconda) sia esterni (si oppone la parata di prima).
A queste tre categorie di colpi si aggiunge ciò che viene definito nella scherma “affondo”, sia alto (torace, testa) cui si oppongono le parete di terza o di quarta, sia basso (bacino, gambe) cui si oppongono le parate di prima o di seconda. Tagli, controtagli, fendenti e montanti possono essere eseguiti, conferendo velocità e spettacolarità al combattimento, con dei mulinelli, che consistono nel far girare il bastone con un rapido movimento del polso, del braccio o di entrambe le braccia.

Parata di Prima. Fonte: https://mmawhisper.com/martial-art-stick-fighting/




Parata di Seconda. Fonte: https://mmawhisper.com/martial-art-stick-fighting/



Parata di quinta. Fonte: https://mmawhisperer.com/martial-arts/irish-stick-fighting/


[1] Vedi: Lang, H.G. The Walking Method of Self-Defence by an Officer of the Indian Police London: Athletic Publications, LTD 1923; https://www.nycsteampunk.com/bartitsu/manuals/TheWalkingStickMethodOfSelfDefence1923.pdf

Torna alla Home


Commenti

Post popolari in questo blog

YOGA CITRĀ - LO YOGA DELLA DEA

  "Per noi, che studiamo, pratichiamo e insegniamo Yoga da decenni, le differenze tra Yoga fisico e Yoga filosofico sono fittizie. Che lo si chiami Tantra o Vedanta, Ashtanga o Hathayoga, secondo noi, lo Yoga è uno solo, ed è la preziosa eredità che gli antichi poeti, filosofi e scienziati dell’India hanno lasciato all'umanità intera." Laura Nalin e Paolo Proietti , Direttori Didattici e Insegnanti del Corso di Formazione Yoga Citra https://www.youtube.com/watch?v=WI6UNVVZ-oI FORMAZIONE INSEGNANTI YOGA RETREATS FILOSOFIA ABOUT  +39.333.4145.141 CORSI DI FORMAZIONE IN PRESENZA  ED  ONLINE I nostri corsi di formazione - riconosciuti da  Yoga Alliance® Divisione Italia   e da  Ginnastica Yoga CSEN   -  sono rivolti sia a coloro che desiderano fare della loro passione per lo Yoga una professione, sia a chi vuole approfondire e affinare la conoscenza della millenaria  Arte dell’Essere Umano  indiana.   Per informazioni:  Laura Nalin  (Segretario e Tesoriere)  +39.333.4145.14